IL TITOLARE DELLA NOSTRA PARROCCHIA E’ SAN BIAGIO

STORIA DELLA NOSTRA CHIESA

La chiesa di Mamiano ha origini antiche e viene già citata in un documento che riporta il testamento di un sacerdote, di nome Alberto, datato 23 Agosto 1094:

«… dò alla chiesa Santa Maria  [Cattedrale di Parma]   la chiesa in Mamiano, che mi diedero gli Arimanni   di Mamiano con altri beni nello stesso luogo in modo che i canonici facciano consacrare la chiesa e li aiutino o meglio li difendano…”. 

Nel “ Rotulus Decimarum” del 1230uno dei più antichi documenti della storia ecclesiastica parmense,  viene citata la “ Ecclesie Sancti Blasii de Mamiano in plebe Basilicenole ” e compare, per la prima volta, la sua intitolazione a S.Biagio, Vescovo armeno morto martire nel 316, invocato come protettore dei mali della gola e festeggiato il 3 febbraio. Dal 1520 la chiesa, già parrocchiale, dipendeva dalla Badessa del Monastero di S.Quintino di Parma e le monache avevano il diritto della nomina del Curato. L’immagine della chiesa compare, per la prima volta, nella mappa di Mamiano del 1599, disegnata dall’illustre ingegnere Smeraldo Smeraldi.

A quel tempo, la chiesa era ubicata dove si trova ora, la sua forma era a capanna e il campanile, sulla cui sommità era stata posta una grande croce, s’innalzava all’esterno, sul retro a sud-est. In seguito, negli anni 1699–1700, venne ampliata   con la costruzione di un nuovo presbiterio, dell’abside, della sagrestia e di tre cappelle nella navata destra; inoltre la facciata, i finestroni laterali ad arco e il tetto furono completamente rifatti, mentre il campanile fu annesso alla chiesa.

Nell’aprile 1831 ebbe inizio una serie di scosse di terremoto, proseguite fino al 1832, e anche la chiesa di Mamiano subì danni strutturali e pittorici, per cui si rese necessario il restauro  e la ripittura della volta del presbiterio e del catino dell’abside. Due anni dopo, durante la Visita Pastorale del Vescovo Mons. Vitale Loschi (2 ottobre 1833), la chiesa fu insignita del titolo di Rettoria.

Furono eseguiti notevoli lavori, negli anni 1900 e 1960, per ristrutturarla e ridecorarla, soprelevare il campanile e rifare il sagrato.

Il violento terremoto del 23 dicembre 2008 provocò gravi danni alla chiesa, che fu subito transennata e dichiarata inagibile. Crollò la volta alla destra dell’ingresso e si aprirono anche varie crepe nei muri, negli archi delle navate laterali e si evidenziò un parziale distacco dell’intonaco degli affreschi. Notevoli e costosi furono gli interventi effettuati per rendere nuovamente agibile la chiesa, rifare alcuni impianti e restaurare gli affreschi e le decorazioni.

Fu riaperta  e restituita ai fedeli, più sicura e più bella di prima, l’8 dicembre 2011, e in seguito fu arricchita da pregevoli opere restaurate nell’anno 2013 (due quadri secenteschi e un altare ligneo del 1704).

Per ulteriori informazioni, si può consultare il libro “ MAMIANO – LA CHIESA DI SAN BIAGIO  nel corso dei secoli”, reperibile nell’Archivio parrocchiale e nella Biblioteca comunale di Traversetolo.  


La chiesa nella mappa di Smeraldo Smeraldi (1599)
 
Elenco dei Parroci di Mamiano dal 1642 ad oggi
 
La chiesa durante la ristrutturazione del 1900
La chiesa nel 1938
La chiesa oggi